Screenshot di una conversazione: quando si configura il reato?

La tecnologia di oggi giorno consente di salvare le conversazioni intrattenute via messaggi, tramite il c.d. “screenshot”, ovvero la fotografia istantanea dello schermo dello smartphone.

Se nessun problema si pone qualora la conversazione venga solamente salvata sullo smartphone, discorso diverso nasce se la conversazione viene portata a conoscenza di terzi soggetti.

Difatti, inoltrare o pubblicare uno screenshot potrebbe andare a ledere una serie di diritti costituzionali che vanno sempre rispettati, al di là di ciò che consentano di fare i creatori delle piattaforme digitali.

Tra questi, ci sono il diritto all’onore e alla reputazione, il diritto alla privacy e quello all’oblio, il diritto all’identità personale, al nome e all’immagine.

Il problema di una possibile incriminazione si pone, infatti, nel caso in cui si decida:

  • Di pubblicare lo screenshot, ad esempio su Instagram o su Facebook;
  • Di inoltrare lo screenshotad un gruppo di persone, ad esempio su una chat di WhatsApp;
  • inviare lo screenshotad uno o più amici, ma singolarmente.

Si tratta di tre condotte che, in ordine decrescente, pongono la conversazione su un livello più o meno pubblico, determinando comunque la conoscenza, da parte di altri soggetti non autorizzati, di fatti riservati.

Il punto però è che, affinché la comunicazione a terzi di una conversazione riservata possa costituire reato, è necessario che vada a ledere un diritto della vittima.

E, in questo caso, i diritti possono essere di due tipi:

  • la privacyla quale viene violata quando si comunicano dati personali altrui (intesi in senso ampio, come vicende private, condizioni di salute, di orientamento religioso o sessuale, ecc.);

La pubblicazione di uno screenshot può integrare una violazione della riservatezza anche quando il contenuto riveli aspetti della vita privata dell’utente, aspetti che questi non avrebbe mai esternato in pubblico.

Si pensi, ad esempio, a chi, confidando di parlare solo con un proprio amico, si apra e confidi dei problemi di salute propri o di un proprio familiare, sveli un’antipatia per una persona, un orientamento sessuale o altre circostanze imbarazzanti che potrebbero metterlo alla derisione o sottoporlo a discriminazioni.

  • la reputazionela quale viene violata quando la comunicazione della chat lede l’immagine e la dignità di una persona, il suo decoro.

Solo se viene in gioco uno di questi interessi della vittima, si può parlare di reato.

La pubblicazione di uno screenshot può integrare anche il reato di diffamazione, laddove il contenuto potrebbe essere lesivo della reputazione di uno dei soggetti.

In questo caso, però, per integrare il reato di diffamazione è necessario che lo screenshot sia comunicato ad almeno due persone, non necessariamente nello stesso momento.

Il che potrebbe avvenire o con la pubblicazione, o con la condivisione in un gruppo, o, infine, con due o più inoltri separati.

Precisiamo, comunque, che non è consentito rendere pubblico un comportamento benché sia illegale.

 

Come difendersi?

La vittima deve presentare una querela alla polizia o ai carabinieri. Ma prima, sarà meglio che si procuri le prove.

Basterebbe anche la testimonianza di un amico che dichiari di aver visto il post su un social o di averlo ricevuto sul proprio smartphone.  

% Commenti (54)

Ma se lo screen shot viene fatto ad un post pubblico su facebook il cui utente non è tra i nostri amici e questo screen shot viene inviato ad una persona su whatsapp è reato? Perché voi parlate di pubblicare conversazioni private e non l inverso.

Avvocato Di Carlo

In quel caso non si configura alcun reato.

Mi collego alla domanda esposta da Manuela pezzi ed alla sua risposta.
Come mai l’ipotesi sopra esposta non costituisce reato?
Cioè, se una persona non mia amica su fb utilizza la foto di un mio post pubblico, girandolo ad altre persone, offendendo e accusando non è reato?

È reato la pubblicazione di una conversazione ingiuriosa verso la mia persona, dove io sono uno dei 2 interlocutori e l’unico ingiuriato e offeso?

Avvocato Di Carlo

La vera domanda da porsi è “perche pubblicare una conversazione ingiuriosa nei miei confronti?”

La persona in questione mi contatta in privato per insultarmi! Io ho condiviso lo screen dei primi due mess di chat privata sotto al post da lei commentato proprio per raccontare come , parlando di libertà di pensiero , fosse la prima a violarla!

Salve oggi ho inviato una foto privatamente ad una ragazza al quale non ha gradito, fin qui tutto ok, mi contattano amici che mi comunicano che ha condiviso sulla sua bacheca la mia foto dove viene ok oscurato il viso ma tutti mi hanno riconosciuto, con la relativa chat ho tutte le prove e là chat che prova che sono io posso procedere con la querela?

Avvocato Di Carlo

Mi sembra di capire che la foto ritraeva parti intime…Se così fosse dovrebbe preoccuparsi di non ricevere Lei una denuncia per molestie sessuali….

Non so se mi ha salvato il commento, nel dubbio lo ri-invio
Se pubblico uno screenshot la cui persona nello screen viene censurata da me, è reato?
Inoltre è reato se pubblico uno screen dove una persona mi insulta e di quella persona non si sa nulla né riveli nulla? (La persona ha un nome d’arte e una foto profilo che non sia il suo volto, quindi è anonima)

Avvocato Di Carlo

Se le generalità sono censurate non si commette reato; tuttavia, in presenza di frasi ingiuriose, il consiglio è quello di denunciare piuttosto che pubblicare sui social.

Mi scusi ma se io ho fatto dei screen dove lui mi chiedeva di andare a casa sua e altro e io questi screen li ho mandati alla sua ragazza é reato?

Se mettendo uno stato su WhatsApp uno dei contatti fa screenshot e lo invia a chi non è tra i contatti e per altro questa persona a cui viene inviato ha il divieto di comunicazione con la persona che ha messo lo stato per un procedimento penale che la vede parte offesa (codice rosso) e non dovrebbe avere notizie su essa….
Chi fa lo screenshot e lo gira a questa persona, ovviamente a sua insaputa, commette reato?

la mia ex ragazza ha mandato degli screenshot di conversazioni e vocali audio privati di noi due alla mia attuale compagna ledendo cosi il nostro rapporto. in questo caso non cè violazione della privacy con conseguente danno aaaaaatto a ledere la mia persona?

Buongiorno,se una conversazione privata viene girata ad un’altra persona, è reato? Posso denunciare? Grazie

e se pubblicassi sui social una mail ricevuta dal mio datore di lavoro oscurando il suo nome e cognome?

Avvocato Di Carlo

Se lo fa esclusivamente per ottenere visibilità e qualche like, le consiglio di evitare.

Salve dopo aver commentato un post su instagram su una pagina pubblica dove se mi permette c’era una donna che si pettinava i peli delle ascelle ho commentato che in poche parole provavo schifo e che le donne così non mi piacciono una ragazza a caso che non era nemmeno il soggetto del video mi ha scritto in privato dicendomi che i maschi etero misogeni come me sono la feccia del umanità mandandomi audio e video dove mi minacciava e faceva vedere il cesso dicendo che ci dovevo finire dentro che sono la rovina del mondo e molto altro io ho risposto difendendomi e dicendo che lei è malata mentalmente ecc dopodiché ho pubblicato la chat e gli audio e video di mentre mi insultava e minacciava ora lei vuole denunciarmi per diffamazione tutto questo è assurdo ha detto che mi rovina e che marcirò in galera

Avvocato Di Carlo

Bisogna sempre fare attenzione con le pubblicazioni delle chat… non si sa mai come reagisce il mittente

Sono in causa con la mia ex convivente e lei vuole dimostrare determinati messaggi che ovviamente gli ho mandato io ai giudici…..lo può fare?

Avvocato Di Carlo

si, i messaggi (anche whatsapp) possono essere usati come prova in un processo

Salve ho ricevuto un messaggio privato contenente offese da parte di un utente che non conosco.. Se pubblico lo screenshot su fb commetto reato?

Avvocato Di Carlo

Perché non presenta querela se ritiene il messaggio offensivo e denigratorio, al posto di pubblicare lo screenshot solo per ottenere visibilità che non porta a nulla?

Credo che se il post, a cui viene fatto lo screenshot, sia stato reso “condivisibile” dall’autore, la sua eventuale pubblicazione -anche tramite screenshot- non dovrebbe costituire alcun reato. O mi sbaglio?

Una persona con la quale non ho amicizia su Facebook ha pubblicato un messaggio che io gli avevo inviato sulla sua piattaforma Messenger ed in cui, poiché mi accusava di diffamazione, io gli ho risposto: ” Occhio che Dio vede e provvede per noi (voi) e i nostri (vostri) cari”. Il soggetto si è permesso di divulgare sul suo profilo Facebook il messaggio accusandomi di averlo minacciato quando la minaccia, per essere tale, deve dipendere dalla volontà umana. In questo caso manca l’elemento volitivo che è proprio del dolo. La Polizia postale mi ha detto che posso querelarlo. Volevo un suo illuminato parere. Grazie.

Avvocato Di Carlo

Noto che ha già eseguito le sue ricerche su dolo ed elemento soggettivo del reato, tuttavia la conclusione cui giunge la sua riflessione non è completa poiché è necessario leggere ed attenzionare l’intero contesto.
Non conoscendo il testo pubblicato dal suo interlocutore, non sono in grado di dirle se è possibile procedere a querela.
Saluti.

Buongiorno, ho postato su FB uno screen di una chat privata solo per ricordo, dove è visibile una data composta solo da giorno e mese, nessun messaggio denigratorio o di eventuale molestia, oltretutto tutte le generalità sono state cancellate e l’eventuale persona impossibile da raggiunge. Ho commesso reato?

Avvocato Di Carlo

Così per come da lei descritto parrebbe di no ma è necessario leggere l’intero contesto per avere una risposta più attendibile

Buongiorno…se un genitore denuncia al preside un comportamento inappropriato,con relativi insulti e.minacce verso un docente, con screenshot della conversazione solo dei diretti interessati..sussiste reato?

Avvocato Di Carlo

Le denunce vanno fatte alle autorità preposte e le foto costituiscono prove.

Buongiorno, avrei due domande:
1) Se un ragazzo di 13 anni alle ore 21:00 scrive dei commenti personali augurando ogni male a un suo professore in un momento di rabbia e di sfogo in un gruppo privato whatsapp composto solo da alcuni amici di scuola e poi, a distanza di un mese e mezzo qualcuno invia lo screenshot di questi messaggi al professore, viene commesso reato da parte di chi ha inviato lo screenshot?
2) Il professore ha il diritto di mettere alla berlina il minorenne umiliandolo davanti a tutti, divulgando e rendendo pubblico l’accaduto in tutta la scuola e di conseguenza in tutta la comunità e addirittura facendo una relazione scritta che va agli atti nella segreteria scolastica e con possibili provvedimenti disciplinari nei confronti del ragazzo? (voglio ribadire che i messaggi del ragazzo sono stati scritti in una chat privata in orari e luoghi extrascolastici e lui non li ha mai divulgati pubblicamente). Grazie.

Avvocato Di Carlo

Il professore non ha alcun diritto di mettere alla gogna mediatica il ragazzo, essendo preferibili agire tramite appositi rimedi scolastici (note, richiami, sospensioni ecc).
Il pubblico ludibrio del ragazzo potrebbe comportare il compimento di un reato da parte del professore.

Se si è usato una parola pesante verso un profilo twitter senza nome e cognome ma con titolo di fantasia e non conoscendo l’interlocutore, questo dice che ti denuncia, lo può fare? Grazie

Buongiorno, dalla mia pagina personale di facebook sono stati estratti a mezzo screenshot, senza la mia autorizzazione, due miei posto che sono poi stati girati a persone che non rientravano tra le mie amicizie. Come posso tutelarmi? Grazie

Buongiorno una persona ha inviato una mail all’azienda con cui lavoro allegando gli screenshot di una conversazione privata che riguardava lui tra me ed un amico. Non so come li abbia avuti, l’amico giura di non averli diffusi.., naturalmente ho qualche dubbio! Mi ha chiamato l’azienda avvisandomi che diffamavo io questa persona, che chiedeva di riprendermi per ciò! Vorrei porgere querela allegando la mail inviata all’azienda.

Avvocato Di Carlo

Non ho compreso la vicenda nè chi intende sporgere querela verso chi.

Mia figlia ha scritto commenti su un professore in una chat Whatsapp che include i compagni di classe. Una madre li ha visti e li ha fatti vedere al professore interessato e ad altri genitori ma non a me. Ho chiesto al professore di farmela vedere ma si è rifiutato invocando la privacy del genitore che ha fatto la segnalazione… La conseguenza è stata la sospensione dalle lezioni (8giorni) e la minaccia di espulsione dalla scuola (privata). E’ lecito il comportamento di questi soggetti essendo il tutto avvenuto all’interno di una chat privata e in presenza di minorenni?

Avvocato Di Carlo

Da come sono stato esposti i fatti, parrebbe che vi sia stata una lesione della privacy della persona che ha lasciato i commenti perché confidava nel fatto che sarebbero rimasti confinati all’interno della chat.

Buongiorno, un mio collega dalla quale ho subito un feedback negativo su whastapp e in cui io mi sono scusato (ancora tramite whastapp) ha pubblicato un pezzo della nostra conversazione su un social professionale, evidenziando l’accaduto. Io so che si riferisce a me, perchè ho riconosciuto la chat, ma qualsiasi generalità è stata oscurata, quindi c’è solo un pezzo di chat, in questo caso posso citarlo per violazione della privacy?

Avvocato Di Carlo

Ne dubito poiché non c’è nessun riferimento a lei ed alla sua posizione.

Salve, mio figlio di 10 anni durante una lezione in dad ha ricevuto sul cellulare da un compagno di classe la foto fatta allo schermo del computer in cui compare il maestro che faceva la lezione. Lui l ha rigirata ad un altro compagno che ingenuamente l’ha messa per qualche minuto sul suo stato di watsapp. Relativamente alla foto non è stata fatta alcuna offesa o commento. Il maestro può sporgere denuncia per violazione della privacy e cyber bullismo?

Avvocato Di Carlo

Le denunce sono armi pericolose perché, se infondate, portano il denunciante a subire una contro querela per calunnia.
Da come ha esposto i fatti, parrebbe non esser stato commesso alcun reato, ma il condizionale è sempre d’obbligo.
Saluti.

Salve . Durante una chat su instagram per fare un lavoro di fotografia mi vengono mandate due foto come campione ( soggetto in vestaglia e comunque no nudo) .
Una di esse era formata da più foto e non riuscendo a vederle bene ho fatto un screenshot che ho poi cancellato .
Dall’ altra parte partono minacce di denuncia per violazione della privacy e presunte accuse di condivisione.
Di comune accordo avevamo deciso d’incontrarci e mostrare il mio telefono per chiarire la mia buonafede ma non si è presentato nessuno.
Come devo difendermi?

Avvocato Di Carlo

Non deve difendersi da nulla perché, al momento, non vi è nessuna accusa.
I problemi si risolvono quando sorgono.
Saluti.

Salve,
Il marito di una mia amica, spiando il telefono della moglie, ha salvato le mie conversazioni whatsapp con lei e minaccia di utilizzarle contro di me, inviandole a mia moglie…questo costituirebbe reato?
Grazie

Avvocato Di Carlo

dipende se esiste una richiesta dietro la minaccia

Buon giorno, ieri ho pubblicato un video di una manifestazione su instagram (profilo privato), dopo 10 minuti una testata giornalistica su Facebook ha pubblicato delle foto fate dagli screenshot del mio video senza chiedermi permesso e/o citarmi. Hanno pubblicato direttamente gli screenshot dove si vede che sono stati fatti addirittura su una registrazione dello schermo sulla mia storia, fatti presumibilmente da uno dei miei amici che hanno visto la storia (12 persone prima che la eliminassi).
È reato? Hanno violato i miei diritti o la mia provacy? Cosa posso fare?
Grazie

Avvocato Di Carlo

Se il suo filmato non è coperto da diritto d’autore (e non lo è) non può far nulla.
Saluti.

Salve, vorrei un parere se possibile. La preside di un istituto scolastico pubblico può avere accesso alle chat dei vari gruppi WhatsApp dei genitori/rappresentati di classi? E in particolare può chiedere all’amministratore del gruppo, che è quasi sempre il rappresentate di classe, di poter avere gli screenshot delle conversazioni avvenute sui gruppi senza l’autorizzazione di tutti i genitori che ne fanno parte? È lecito e legale?

Avvocato Di Carlo

Assolutamente no.

Scusi, se io faccio lo screen di una chat instagram e la mando ad un avvocato per farla controllare, è reato?

Cioè intendo dire, non solo se è reato, ma potrebbe accadere che l’avvocato decida di contattare la persona con cui ho chattato e fargli presente che ho mandato a lui la chat per farla controllare, così che quella persona mi denunci per violazione della privacy?

Avvocato Di Carlo

L’avvocato ha l’obbligo di non divulgare le conversazioni avute con il suo cliente dunque commette illecito disciplinare se manda il suo messaggio a terzi

Salve, nel caso in cui un’amante manda ripetutamente screenshot di conversazioni private alla compagna/moglie al fine di causare la fine della loro relazione, l’amante commette reato? se si, come va perseguito e con quali prove?

Avvocato Di Carlo

Dipende dal testo dei messaggi, potrebbe rispondere di diffamazione.

Lascia un commento

WhatsApp Contattaci su WhatsApp